giovedì 4 ottobre 2012

Anch'io sto con Pessoa


Erano mesi che non sentivo Roberto Cotroneo. Alcune settimane fa avevo letto un suo pezzo su "Sette" che parlava di quanto, nel 2.0, gli amici siano sempre più fisicamente distanti e non chiamino più, accontentandosi di un commento on line, di un tweet, di un post.
Vinta la mia innata timidezza -che ci crediate o no è così- l'ho chiamato.
E' stata come sempre una chiacchierata costruttiva, sicuramente per me, e non solo sulla scrittura, l'editoria e tutte quelle cose di cui l'allieva parla con il Maestro, ma anche sull'amore.
Con il suo consenso, e credo in esclusiva sul web, vi propongo un'intervista che Roberto ha rilasciato a Nicoletta Melone per "A"che parla, appunto, d'amore.
Penso che certe parole, le sue, ci faranno riflettere un bel po'.
Mettetevi comodi.



ROBERTO COTRONEO
Ma se l’amore se ne frega dell’anagrafe

Evitare la passione dopo gli “anta”? Sbagliato. Uno scrittore
(appassionato) replica a Conti
di Nicoletta Melone – per “A”.


No, non ditelo a lui che bisogna “rispettare le stagioni della vita per evitare il ridicolo”. Che l’amore va maneggiato con circospezione, soprattutto a una certa età. E con persone di un’altra età. «L’amore prudente è un ossimoro», dice. Un controsenso, una contraddizione.
Roberto Cotroneo, giornalista e scrittore, non è tipo da freno a mano tirato, da sentimenti omeopatici, da affettuose canaste sul lago dorato. Sarà che è più vicino ai cinquanta che ai sessanta (è del ’61) ma questa storia che a sessant’anni è meglio andarci piano con i sentimenti forti (e le fidanzate giovani) non lo convince. Di più: trova che la teoria della cautela “non funziona nemmeno da un punto di vista squisitamente teorico antropologico.
Chiaro? E per spiegarlo meglio, sfodera le sue doti di carismatico prof (giornalismo alla Luiss) e di romanziere. Tira in ballo Pessoa e Jung. Il dibattito innescato da Paolo Conti, che ha scritto sul Corriere e ribadito su “A” che a 58 anni l’amour fou non è cosa lo vede schierato con i romantici. Quelli che hanno subissato il giornalista di messaggi di rimprovero (“bacchettone”). Quelli convinti che la passione se ne freghi dell’anagrafe. Sta con i coraggiosi col cuore in mano Cotroneo, saggista e poeta, autore di un romanzo non per niente intitolato Questo amore. E di tweet d’amore che Marco Giusti ha definito la miglior risposta a Conti e ai fautori del prepensionamento sentimentale. È un teorico del forever young. Del romanticismo come must have: «Qualcosa che nella società odierna costituisce la tua identità, il segno di una personalità ricca, complessa. Avere una passione in atto è cool, è come avere un’opera d’arte in casa. È come andare al museo e far vedere di conoscere la pittura astratta: dimostra che non sei un bifolco sentimentale». Il fatto che la sua “passione in atto” sia una bellissima attrice con 20 anni di meno, Gaia Bermani Amaral, è solo un dettaglio. Non ditegli che la pensa così solo per questo. Un amore di cui parlare Cotroneo, fraseggiator cortese dell’epoca di Facebook, cesellatore di sublimi aforismi su twitter, ce l’avrebbe. Ma lui glissa, analizza, decontestualizza. Se ti va bene cita De Andrè. Se no Platone.

Sicuro che Paolo Conti non abbia tutti i torti?
«Quello che dice può essere condivisibile per certi aspetti. Ma non sta in piedi. L’età media si è allungata, la giovinezza si è prolungata. Una volta a sessant’anni andavi col giornale ai giardinetti. I cinquanta-sessantenni di oggi sono i trenta-quarantenni di ieri. Penso a mio padre: non dico di non averlo mai visto senza cravatta, ma quasi. Di sicuro non l’ho mai visto, come facciamo tutti adesso, con un paio di jeans».

Un conto è portare i jeans, un conto è portarsi a casa una ventenne.
«Bisogna chiedersi che ruolo ricopre l’amore nella società moderna. Che è fondamentale. L’identità sentimentale è fortissima. Innamorarsi è un segno di vitalità. Che con l’età diventa anche più importante. E poi non avere vita amorosa ti identifica come una persona arida. A cui manca qualcosa».

Semplificando: se non ami sei uno sfigato. Peggio che non avere lo smartphone.
«Un po’ drastico. Ma rende l’idea. Una volta il grande amore era roba da ricchi. Da nobili. I contadini non avevano tempo di struggersi. Prendevano moglie e mattevano su casa. La passione era un lusso, come arredare il salotto con i mobili di design. Ora, in epoca di consumismo amoroso, l’arredamento di design è alla portata di tutti. E tutti lo vogliono. A costo di accontantentarsi di un’imitazione, di una versione low cost».

Romanticismo e truciolato: l’Ikea dei sentimenti.
«Esatto. Dire “ho 60 anni non m’innamoro” suona chic ma è inattuale. Pessoa scriveva: “Tutte le lettere d’amore sono ridicole. Ma dopotutto solo coloro che non hanno mai scritto lettere d’amore sono ridicoli”».

Più amour fou per tutti.
«Non sono cose che ti aspetti. Capita. Anche a me, dopo un matrimonio finito, è capitato di pensare “basta”. Ho due figli, un cane. Niente complicazioni. Poi incontri qualcuno e cambia tutto».

Ma com’è che voi maschi cinquantenni incontrate sempre donne più giovani? Questa storia della giovinezza che si allunga funziona solo per gli uomini.
«Non è vero. Anche le cinquantenni sono cambiate. S’innamorano. E fanno innamorare. Lasciamo perdere il discorso della signora col toy boy: che in effetti, è meno socialmente accettato di una fidanzata diciottenne. Masenza estremizzare, non è vero che a una certa età le donne diventano trasparenti».

Guarda caso, lei mica sta con una cinquantenne, sta con un attrice giovane e bellissima.
«Non mi va di parlarne, ma che c’entra? È vero, lei è bellissima. Ma è una questione di sincronicità, di terreno condiviso. Guardi. Lei sarebbe bella anche se fosse brutta».

Paura, mai?
«Hanno più paura i trentenni. Sono più conservatori, più autoprotettivi, si difendono con fidanzate immutabili con cui condividono tutto, anche la password del computer. Consegnati a un mondo precario, incerto, si uniscono e fanno guscio».

Meglio buttarsi, ma che fatica.
«L’idea che l’amore sia una cosa naturale, istintiva, è sbagliata. Una relazione è frutto di un editing continuo».

A proposito di editing. Lei scrive alla sua fidanzata tweet meravigliosi: «Amare è epico, essere
amati è lirico”.
«In epoca di social network gli sms cono l’equivalente delle lettere d’amore. Una volta le scrivevano in pochi. Una cosa da poeti e da scrittori. Adesso lo fanno tutti. L’amore è epico. E si narra on line».

Amare sarà epico. Ma se diventa una comica?
«Sto con Pessoa: l’amore in fondo non è mai ridicolo».





Nessun commento:

Posta un commento