mercoledì 21 novembre 2012

La deriva di Twitter #7: Perché non ti follouo


Un tizio stamattina mi domanda come faccio a decidere chi seguire e chi no, e come faccio a sapere se quella/o che decido di non follouare non è magari una persona magnifica.
Vado sui profili, sui blog, scorro TL, leggo, evito di farmi i cazzi miei.
Perché sono curiosa, mi piace guardare le persone soprattutto quando non sanno di essere viste, sono una guardona digitale e non mi va di perdermi la festa, ovunque sia.
Non è importante chi sei ma cosa dici e come.
A parte i tizi che si nascondono dietro profili con lucchetti e che non si sa in base a cosa bisognerebbe seguirli non ho pregiudizi. Frega niente se hai tre follouer, non lavoro per il “sole 24 ore”, anzi, al momento sono senza occupazione.

Non si può seguire chiunque, è l’esperienza degli altri a dirlo.
Ma anche la mia, perché dietro un’apparente intelligenza si può nascondere il grande fesso.
Ho sprecato tuit con persone che poi, una volta che la loro tuitstar mi ha defollouta -perché aveva il ciclo oppure io troppi rituit- mi hanno defollouato a loro volta.
Ma sono “pericoli” che poi si evitano, soprattutto quando s’impara a misurare la personalità di ognuno dalla lunghezza della lingua.

Non è così giusto follouare chiunque. Perché comunque una battuta infelice rimane, così come il giudizio affrettato.
Perché quando ti accorgi che il tizio/a in questione è imbecille patentato dispiace, soprattutto quando ti viene a domandare il perché del defollow, e allora 140 caratteri non bastano mai.
Le/gli dici che l’hai fatto perché non ti stellina né ti rituitta anche se lo fanno in tanti? Oppure perché dalle 18.00 alle 18.30 spara un imbarazzante numero di luoghi comuni che non se ne può più perché basta la televisione?

Un follouing sbagliato può creare una serie di “qui pro quo” che nemmeno s’immaginano.
E liti, liti domenicali che non so perché esplodono sempre dopo pranzo, quando i cannelloni al sugo di carne della cognata si sono ben accomodati nel mio stomaco da vegetariana.

E poi ci sono quelli che si svegliano intellettuali.
Che scrivono DM a raffica dove raccontano il proprio punto di vista sull’amore, come se io, che non sono nessuno agli occhi di un mondo che vive esclusivamente di talk show televisivi, fossi in credito di storie, come se le mie, non mi bastassero.

Ci sono quelli che m’insultano dopo che li ho defollouati.
Maschi, soprattutto, umiliati dai miei personaggi che sadicamente lascio andar su e giù di mano in camere d’albergo, ignorati dalle mie super donne afflitte dalla debolezza dell’interlocutore, quasi sempre ubriacone e impotente, pieno di nevrosi.

Ci sono quelli che correggono il refuso piccolo piccolo e in pubblico. Loro, che in sovrappeso di frustrazione mi guardano da una foto ritoccata e sputano sentenze da dietro un nickname.
Ma fatti vedere, imbecille, mettici la faccia dietro il giudizio.
Se dai dell’arrogante a me che scrivo quasi sempre in prima persona plurale, almeno mostrami cosa hai fatto tu. Ma forse siamo in un mondo dove l’essere vale sempre meno rispetto all’apparire.

E poi ci sono i detestabili ottimisti.
Quelli che non fanno che scrivere che la vita è bella, che il cielo è sempre più blu e che basta un poco di zucchero e la pillola va giù.
Ecco, li chiamerei gli imbonitori di felicità, spacciatori di luoghi comuni e drogati di frasi fatte.

E gli opportunisti. Come lo studente che fa avance solo perché ha bisogno di un appoggio a Roma e di una scopata con una tizia esperta: bravo, complimenti, nella vita diventerai sicuramente qualcuno ma prima domandami se sono sposata, se sono libera e se ne ho voglia.

Non dovete offendervi voi neofiti di TWITTER se non vi follouo, dovete pensare a chi volete seguire e cosa volete mostrare di voi stessi, e basta.
Il follow arriverà se non vi metterete troppo d’impegno a cercare frasi a effetto.
Perché twitter è anche una grossa perdita di tempo.
E di gente che pretende di avere l’ultima parola anche quando ha torto, ce n’è fin troppa, come chi sostiene che il Cinema non è una forma d’arte, buttando così al cesso intellettuali, attori, registi e sceneggiatori che hanno fatto la nostra storia e che ci hanno raccontato l'amore e il mondo.

14 commenti:

  1. Splendido pezzo, schietto...come dovremmo essere tutti sempre!

    RispondiElimina
  2. meglio fare come me, che non sono mai andato in twitter!
    sono Amedeo Tommasi

    RispondiElimina
  3. Alberto Verciani24 novembre 2012 20:16

    Come sempre sei di una precisione chirurgica ed anche utile per i neofiti.

    RispondiElimina
  4. Ma li incontri tutti tu gli scassacoglioni :)?

    RispondiElimina
  5. No, è che raccolgo anche le impressioni degli altri. e poi, a scrivere brani equilibrati e tiepidi ci pensano già i nostri giornalisti.

    RispondiElimina
  6. GalileoFattimiei3 dicembre 2012 18:16

    ohimamma, come sentirsi attanagliato dall'ansia da prestazione per un click.
    :D

    RispondiElimina
  7. Ps. Io ti seguo, e ne sono orgogliosa!

    RispondiElimina
  8. La seduzione prescinde da Rt e stelle. Sarei portato a credere che, anzi, ne rifugga. Non per questo smetterei di seguire chi stuzzica la mia fantasia e, a volte, eccita i miei sensi.


    3tt0re

    RispondiElimina
  9. :D sottoscrivo

    ps. e se mi defollui o ti defolluo, pazienza... sarà darwinismo twitteriano... ;)

    Vittorio

    RispondiElimina
  10. grazie per me che sono nuova su twitter sono parole che insegnano tanto :)

    RispondiElimina