mercoledì 18 settembre 2013

L'Italia non è un Paese per Master

La domanda più frequente è: come faccio a capire se il mio Lui è un Master?
E io ho sempre pronta la stessa risposta: dovresti imparare a riconoscerlo.
Comunque, se si cerca con attenzione in rete, tra le varie banalità e racconti mal scritti, è anche possibile trovare spunti molto seri sull’argomento, ma in fondo, basta soltanto ragionarci un po’ sopra e lasciarsi guidare dall’istinto.
Il sadomasochismo, o BDSM, derivazione più in voga che io non amo, e che addolcisce il termine solo con l’intento di slegarlo dalle patologie mentali legate al termine “sadico” e “masochista”, nasce e si sviluppa in Giappone e si diffonde in Germania nel dopo guerra, guarda caso in due paesi dove ordine e disciplina, rispetto per la cosa pubblica e filosofia, sono tenuti in grandissima considerazione. Mettendo da parte la questione del fascismo e dei poteri totalitari, possiamo comunque dedurre che alla base di chi pratica il sesso estremo ci sia, primo tra tutti, il rispetto per le regole.
Al Master si richiede un livello culturale medio alto e non per snobismo, ma perché per comprendere il sottile legame tra dolore e piacere, che ripeto e non mi stancherò mai di farlo, non è puro esercizio del dominio o peggio ancora cieca violenza gratuita, ma controllo e disciplina all’interno di un gioco deciso in totale “accordo” tra due o più persone, ci dovrebbe essere in primo luogo la conoscenza della filosofia da cui esso nasce.
La pulizia, l’ordine mentale che si rispecchia in quello personale, la cura dei particolari, la puntualità e la coerenza, sono segni di riconoscimento imprescindibili. Perché non possiamo separare la “persona” da ciò che “pratica”. Il Master ragiona sempre come un Master. Non è che una volta terminata la sessione si trasforma in qualcos’altro. Questa, è una pratica che si basa su bisogni reali non sul prurito passeggero di un momento.
La camera da letto di un Master dovrebbe essere un laboratorio scientifico dove sperimentare giochi di piacere, non un luogo disordinato o peggio ancora sporco.
Il Master insegna e conduce il partner alla comprensione e alla scoperta di zone inesplorate della mente e del corpo, a lui si richiede forza ma anche estrema dolcezza, coinvolgimento e compassione, ma anche freddezza e intolleranza per tutto ciò che è pressapochismo o superficialità.

Ecco perché l’Italia non è un paese per Master.
Io provoco, ormai lo sapete, ma in questo caso sono seria come mai mi avete vista. Perché questa è una pratica che ha a che vedere con la salute fisica e mentale di chi la conduce e di chi la subisce, e non sono poche le storie che si sentono di “giochi erotici” finiti male, soprattutto adesso che, grazie a certi romanzi, il BDSM ha preso la forma di un lecca lecca dolciastro e rosa confetto.
Ci vuole serietà e grande senso di responsabilità per dirsi un buon Master, e più valuto la questione da qui, più guardo ai “fatti”, alle promesse non mantenute, alle parole date e dimenticate, ai ritardi, al pressapochismo e la superficialità con la quale in questo Paese si tratta l’animo umano, più sono convinta si possano contare sulla punta delle dita di una mano sola i Master “esperti” presenti sul territorio.
Negli anni, alla ricerca di storie estreme da raccontare, ho incontrato molti Master, e non a caso non sono andata mai oltre un drink e qualche parola. Il più delle volte mi è bastato vederli imbarazzati o semplicemente eccedere con l’alcol.
Leggendo tra gli annunci anche di siti piuttosto seri, si trovano sempre meno Master esperti e sempre più di praticanti del bdsm soft. E questo è un male. Il praticante “soft” termine che mi fa venire l’orticaria soltanto a pronunciarlo, sarebbe quello che cerca piccanti variazioni al sesso Vanilla, un po’ di spanking, un buon contorno scenografico che sa di carnevalata, pantaloni di pelle e cinture borchiate, e il chiaro scopo di praticare gratis un po’ di sodomia. Questo è tutto fuorché S/M dove la penetrazione può essere anche esclusa del tutto.
Il Master ha studiato e bene, ed è in grado di riconoscere i propri limiti, e quelli del proprio partner anche quando li vuole superare, perché una volta varcato il confine è assai difficile tornare indietro.
Non esistono manuali del perfetto Master, e m’impensieriscono le “keyword” registrate dal mio Blog, perché significa che in tanti vogliono praticarlo e cercano consigli utili on line. Ma fidatevi, questa è roba che si comprende solo praticandola, solo affidandosi a qualcuno con grande esperienza, autorevolezza e self control, consapevolezza e tatto, ragione, tanta, e senso della misura.
Le regole, lo sanno anche i bambini, vanno dettate prima della sessione e mai più ribadite. Non possono essere confuse, ci vuole chiarezza e non balbettii emotivi. Le regole non si possono cambiare di continuo, così come la SAFE WORD che deve essere inequivocabile e distinguibile tra tutte le altre e pronunciabile in ogni momento e in qualsiasi posizione.

Insomma, sì, il Master può essere tutti i luoghi comuni che avete sentito su di lui ma anche nessuno, il sadomaso, o come preferite chiamarlo, richiede sicuramente un duro lavoro di autocontrollo e autodisciplina, di un “rapporto” tra dominante e sottomesso, che lo qualifichi più di ogni altra cosa. Ci vuole conoscenza profonda dell’altro, della sua psiche e dei suoi desideri.
Non fidarsi mai del primo venuto è la regola numero uno, perché farsi prendere la mano, può costare una vita.

Nessun commento:

Posta un commento