martedì 7 febbraio 2012

Teresa e l'ironia ben spesa

Ma che genio questo qui!, lo ritwitta anche Ferrara,
forse è un bravo giornalista, questa è proprio roba rara.
Questa twitta con chiunque e qualcuno le dà retta
-Dalla foto è proprio bella, è un’attrice, è perfetta!-
ma quel tweet l’ha copiato l’ho già visto stamattina
ci ha cambiato solo i nomi ma il senso è uguale a prima.





Se sei bravo veramente questo è lo strumento giusto
per avere l’attenzione di quei VIP che hanno gusto.
C’è chi sforna citazioni e chi si rende interessante,
criticando proprio tutto anche i gusti della gente,
anzi quelli soprattutto l’importante è dimostrare
di avere sempre pronta la battuta da postare.

Se poi sei anche un artista, uno vero e affermato,
ti becchi di continuo le battute del frustrato.
E guai se fai un errore di sintassi o ortografia,
qui su twitter son dolori! Qui ti fan la radiografia.
Tutti quanti son maestrini tutte son professoresse,
tutti fieri di attirare degli artisti l’interesse.

Direttori editoriali, giornalisti e scrittori
sono qui a dare retta ai colleghi tra i minori.
Son le idee e le parole a fare un giornalista?
Devi avere un cuore puro per poter essere artista?
Se è questo ciò che pensi tu sei proprio fuori pista,
è con l’originalità che tu puoi scalar la lista!

E ci studiano la notte e scartabellano volumi,
per cercar la citazione e le frasi più sublimi.
E di quel poeta morto che mai abbiamo letto
diventiamo tutto a un tratto il biografo perfetto.
Mai ammetter l’ignoranza qui siamo intellettuali,
da qui dietro chi ci vede!, qui siam proprio tutti uguali.

I caratteri son pochi ma son tutti essenziali,
per dar di noi il meglio con battute demenziali,
quelle proprio son la base per entrare nelle cose,
per analizzare a fondo dove va il nostro paese,
per fare più chiarezza ed esser costruttivi,
ci si deve rider sopra e con i giusti aggettivi.

La dialettica si sa non serve proprio a niente,
oggi basta andare incontro ai gusti delle gente.
Se sei furbo appena appena e sei ben determinato,
ti assicuro basta niente a esser ritwittato.
Basta la parola giusta e la battuta più sferzante,
per far di te un mito e un faro di coscienze.

Se sei proprio intelligente e sai cosa twittare
poi ci passi la giornata a cercar l’originale,
lì sta tutta la bravura, lì la grande maestria,
digitare storie vere con la massima ironia.
E poi sempre criticare -perché noi siamo i più bravi!
nascosti dietro al monitor siam proprio eccezionali!-.


Non ne posso proprio più di queste icone false,
di questo continuo e inutile cercar delle rivalse,
frustrati e condannati al mondo dei chiunque,
si fa qualunque cosa pur di arrivare al dunque,
per essere un istante lontani dai problemi,
credendo noi per primi di esser dei gran geni.

Nessun commento:

Posta un commento