venerdì 11 aprile 2014

Deriva #51 #derivaditwitter: Supplica di una Follower



Oh tu che sei già in vista e sei protagonista,
tu che farai la storia resterai nella memoria,
tu che vai in televisione a dar la tua opinione,
che stampi un libro al mese in politichese,
ascolta la preghiera di chi non ha pretese.

Io ti rituitterò, mai ti contesterò e ti difenderò.
I tuoi nemici stessi io sempre bannerò.
Io non darò un giudizio su quel tuo brutto vizio,
né farò la spia sulla tua lurida mania.
E se non ti ho mai letto, dirò che sei perfetto,
il tuo libro posterò e bene ne dirò.

Per esser rituittata dirò che è una figata,
qualunque cosa sia la storia pubblicata.
Io scrittrice in erba sono ancora molto acerba,
cerco solo un pigmalione per fare un successone.
Una pubblicazione che dia quello scossone,
a questa editoria che non so bene cosa sia.

Aiutami, rituittami, dammi un nome buono.
Un editor sicuro che aggiusti il mio futuro.
Che mi dia la spinta, la sola e necessaria,
perché io non finisca a batter la Salaria.
Ti manderò mie foto, filmati e cose zozze,
e tu darai un’occhiata a ‘sto paio di bozze.

I social sono invero un’opportunità.
Ti danno l’illusione della vera parità.
Tu che mi contatti e io che te la offro,
perché tu non sai quanto io ne soffro.
A essere nessuno in questa società,
dove conta solamente la visibilità.


4 commenti:

  1. Visibilità, oggi vogliamo tutti apparire, o come diceva qualcuno, anziché essere.. Sempre brava. Lucky

    RispondiElimina
  2. Due commenti so' pochi per celebrare visibilità.. si può fare di più però... ;)

    RispondiElimina
  3. Io non celebro visibilità. C'è troppa folla sul palco.

    RispondiElimina
  4. Scusami è partito prima che finissi di scriverlo. Vero c'è troppa gente sul palco che si agita scompostamente,chi ha talento deve purtroppo condividerne il poco spazio.

    RispondiElimina